Contenuto inserito il: 20-08-2015 Aggiornato al: 17-09-2015

Fasi di intervento

L'attivazione e la gestione dell’emergenza differiscono in base alla tipologia degli eventi; questi ultimi si distinguono in:

- non prevedibili (terremoti o incidenti industriali);

- prevedibili (rischi meteo-idrogeologici, quali alluvioni e frane).

I primi non manifestando segni precursori impediscono l'attivazione preventiva della struttura di protezione civile, permettendo solo una verifica e ricognizione post-evento, al fine di garantire una tempestiva risposta all'emergenza, attuando misure di sicurezza per la popolazione e il territorio.

I secondi, presentando segni precursori, permettono un'attivazione graduale ed esponenziale della risposta, secondo i seguenti livelli:

  NORMALITÁ
condizione per la quale non sono previsti fenomeni rilevanti (evento non atteso);


  ATTENZIONE
scatta quando particolari condizioni atmosferiche inducono a ipotizzare che l'evento potrebbe accadere (evento atteso). Viene valutata la possibile escalation della calamità, studiando i precedenti storici e monitorando in tempo reale la situazione;


PREALLARME
qualora sia apprezzabile un incremento dell'intensità degli eventi atmosferici, portando a un livello di criticità maggiore la situazione monitorata precedentemente, vengono accostate alle indagini strumentali attività di sorveglianza intensiva sul territorio (evento imminente);


ALLARME
viene decretato quando i limiti di sicurezza imposti dalle fasi precedenti vengono superati, passando così da fase di monitoraggio a fase operativa (evento in atto).


Nonostante i controlli e le verifiche sul territorio è possibile che si manifestino eventi calamitosi che superino direttamente le fasi di attenzione e preallarme.
In entrambi i casi la fase di allarme serve al contenimento e alla messa in sicurezza temporanea e immediata della popolazione e del territorio.

AVVISI

Avviso di condizioni meteo avverse e Bollettino di criticità regionale per giovedì 29.09.2022
Criticità regionale “ordinaria” (colore giallo) per rischio idrogeologico e temporali su tutti i settori regionali
Campo: DataOraPubblicazione | Valore: 28/09/2022 17:15:13